ExxonMobil: il gigante petrolifero nasconde le previsioni sul riscaldamento globale

Exxon - raptech.it

ExxonMobil: il gigante petrolifero nasconde le previsioni sul riscaldamento globale

Gli analisti di Exxon hanno previsto con precisione il riscaldamento globale dovuto all’uso di combustibili fossili negli anni ’70, ma hanno negato pubblicamente la possibilità di un aumento globale delle temperature.

Gli scienziati di ExxonMobil, secondo un articolo pubblicato recentemente dal The Guardian, negli anni ‘70 hanno equipaggiato una delle superpetroliere della compagnia con attrezzature all’avanguardia per misurare l’anidride carbonica nell’oceano e nell’aria, un primo esempio della massiccia ricerca scientifica sul clima del gigante petrolifero. Secondo il tabloid britannico, il gigante petrolifero Exxon ha privatamente “predetto correttamente e abilmente il riscaldamento globale” per poi passare decenni a spazzare via pubblicamente tale risultato per proteggere il proprio core business.

La palese ipocrisia di ExxonMobil sui cambiamenti climatici causati dall’uomo è stata denunciata nel 2015 da giornalisti investigativi che hanno ottenuto documenti aziendali interni. Questi materiali hanno dimostrato che l’azienda era a conoscenza del riscaldamento globale e delle sue cause già nel 1977.

La ricerca di Supran, Ramstorff e Oreskes

Gli esperti guidati da Jeffrey Supran, uno storico della scienza dell’Università di Harvard, hanno scoperto che ExxonMobil non solo sapeva che i combustibili fossili stavano guidando il cambiamento climatico decenni fa, ma ha anche fatto alcune delle previsioni sul riscaldamento globale tra le più accurate e coerenti dell’epoca.

Mentre i rapporti precedenti si sono concentrati sulle prove testuali delle conoscenze dell’azienda, Supran e due dei suoi coautori, il climatologo dell’Università di Potsdam Stefan Ramstorff e la storica della scienza di Harvard Naomi Oreskes, hanno presentato la prima revisione quantitativa dei primi dati numerici e grafici di ExxonMobil sulla climatologia.

Il nuovo studio di Supran e dei suoi colleghi è iniziato alcuni anni fa dopo che Ramstorff ha twittato un nuovo grafico dell’aumento della temperatura globale negli ultimi decenni, sovrapposto al grafico delle previsioni climatiche del 1982 di ExxonMobil.

L’interrogazione di Alexandria Ocasio-Cortez

La somiglianza tra le proiezioni climatiche di Exxon e ciò che è realmente accaduto è così sorprendente che la deputata Alexandria Ocasio-Cortez ha utilizzato il lavoro di Ramstorff per interrogare Martin Hoffert, uno scienziato del clima che ha lavorato come consulente per ExxonMobil, durante un confronto alla Camera nel 2019. Hoffert ha poi notato che lui ei suoi colleghi erano “scienziati straordinari” che hanno predetto con precisione la traiettoria del cambiamento climatico antropogenico.

Hoffert è ora professore emerito di fisica alla New York University, ma continua a parlare della sua esperienza con ExxonMobil, come molti altri scienziati che hanno svolto ricerche sul clima per l’azienda dagli anni ’70.

Il lavoro di Martin Offert per Exxon

Supran e colleghi fanno spesso riferimento al lavoro di Hoffert e colleghi nel loro nuovo studio, che si basa su un’analisi completa di 32 documenti interni creati dagli scienziati ExxonMobil tra il 1977 e il 2002, nonché su 72 pubblicazioni scientifiche sottoposte a revisione paritaria da parte di scienziati ExxonMobil tra 1982 e 2014.

I risultati mostrano le previsioni prevalentemente accurate di ExxonMobil sulle temperature superficiali medie globali e mostrano anche che la società “ha correttamente respinto la prospettiva di un’era glaciale in arrivo, ha previsto con precisione quando il riscaldamento globale indotto dall’uomo sarebbe stato rilevato per la prima volta e ha ragionevolmente stimato il bilancio del carbonio per mantenere il riscaldamento sotto i 2°C.”

I ricercatori hanno anche scoperto che le proiezioni climatiche presentate durante un briefing interno del 1982 intitolato “The Greenhouse Effect of CO2” sono state successivamente ampiamente diffuse tra la direzione di ExxonMobil ed etichettate come “informazioni riservate solo per uso aziendale autorizzato“.

Il vero scopo di Exxon

Supran osserva che Exxon è stata privatamente chiara sullo scopo del suo coinvolgimento nello studio sul clima, che era essenzialmente una combinazione di raccolta di informazioni e legittimità. Queste informazioni “sono state incorporate in una più ampia strategia aziendale per gestire le sfide dell’azienda alla potenziale minaccia del riscaldamento globale per i suoi interessi commerciali“. Lo scienziato è convinto che quando ExxonMobil, insieme all’intera industria dei combustibili fossili, ha lanciato una massiccia campagna per screditare la scienza del clima e gli scienziati alla fine degli anni ’80, era consapevole del consenso sul riscaldamento globale causato dall’uomo.

Supran ei suoi colleghi sperano che il loro lavoro possa aiutare a fornire responsabilità per le strategie ciniche utilizzate da ExxonMobil e organizzazioni simili che hanno deliberatamente offuscato le informazioni sui cambiamenti climatici. Il nuovo studio offre più terreno per azioni legali, movimenti politici e attivismo civico.